«Tutto ciò che è solido, si scioglie nell’aria» di Filippo Cristini a Togliatti

выставка_Filippo_Cristini

«Tutto ciò che è solido, si scioglie nell’aria» di Filippo Cristini a Togliatti

Si apre oggi la seconda tappa del progetto «Autopia: visioni dal presente», organizzato dal Comitato «Dante Alighieri» di Togliatti in collaborazione con il Centro d’Arte Contemporanea di Togliatti e YLDA/Paratissima.

In questa seconda fase l’artista milanese, Filippo Cristini, sarà il protagonista di una residenza di due settimane presso la città di Togliatti, al termine delle quali aprirà una mostra personale dal titolo «Tutto ciò che è solido, si scioglie nell’aria».

Durante il soggiorno in Russia verranno organizzate escursioni urbane che permetteranno all’artista di indagare i temi e le pulsioni della città di oggi, lasciando poi spazio ad un racconto che si articolerà nelle tre sale del Centro d’Arte
Contemporanea e che verrà presentato il 12 ottobre.

Al progetto prendono parte anche l’artista torinese Elisa Sartori (#stage1) e l’artista bolognese Davide Trabucco (#stage 3).
Il progetto è patrocinato dalla Fondazione Mimmo Rotella, supportato dall’Istituto di Cultura Italiana di Mosca e dal Consolato Onorario d’Italia per la Regione di Samara ed è finanziato dalla Società Dante Alighieri di Roma e da sponsor locali.

BIO
Filippo_CristiniFilippo Cristini è nato nel 1989 a Como, vive e lavora a Milano.

Si laurea in filosofia nel 2012 con una tesi sulla Stazione Centrale di Milano e completa gli studi nel 2014 con una tesi di fenomenologia sull’immagine e l’esperienza estetica in Husserl. Dal 2015 si dedica a tempo pieno alla propria ricerca pittorica.

Attualmente collabora con Galleria l’Affiche e VS Arte.

Nel 2017 realizza la sua prima opera pubblica in occasione del rivestimento dei cantieri della M4 a Milano, come vincitore del bando per il cantiere Foppa.

website: www.filippocristini.com

Laura Tota
comunicazione@paratissima.it