La nuova sede della tredicesima edizione è la Caserma “La Marmora” di via Asti.

La Caserma di Via Asti si prepara ad ospitare la tredicesima edizione di Paratissima
post7

La nuova sede della tredicesima edizione è la Caserma “La Marmora” di via Asti.

Paratissima riprende il suo cammino. Dopo l’appartamento in via Po dove tutto iniziò per gioco, il fabbricato industriale di via Aosta, le ex Carceri “Le Nuove”, il quartiere di San Salvario, il MOI e Torino Esposizioni, eccoci di fronte ad una nuova sfida: per la sua tredicesima edizione, Paratissima si svolgerà, infatti, alla Caserma La Marmora di via Asti, proprietà di Cassa depositi e prestiti che ne concede l’uso in attesa di avviare il suo vero e proprio sviluppo immobiliare.

Porteremo la nostra energie e la creatività emergente dei nostri artisti in uno spazio affascinante, tanto imponente architettonicamente quanto denso e prezioso sul piano storico e culturale. Non ci piacciono le sfide facili!

Certo, lasciamo Torino Esposizioni con un po’ di tristezza: diventata la nostra location per caso, nel 2013, quando a un mese dall’evento ci trovammo per strada a causa dell’inagibilità del MOI, questo magnifico edificio, pur con tutte le sue criticità, ci ha dato ospitalità per tre edizioni, accompagnando la crescita qualitativa di Paratissima. Noi sempre, però, con la valigia pronta perché ogni edizione poteva essere sempre l’ultima, per un motivo o per l’altro.

Anche per questa ragione, Paratissima non ha mai smesso di guardarsi intorno in cerca di nuovi spazi, tra i diversi quartieri di Torino…ma, dopo tanto girare, lo sguardo e il pensiero finiva sempre lì, tra gli archi acuti e le stanze della Caserma.

I nostri primi approcci con questo luogo risalgono, infatti, ben al 2014, subito dopo la conclusione della prima edizione di Paratissima a Torino Esposizioni: l’anno successivo, infatti, i programmi erano quelli di allestire nel palazzo progettato da Nervi una mostra sul riso in concomitanza con l’Expo di Milano, quindi non avevamo alternative alla ricerca di una diversa location. Nel 2015 ci trovammo vicini alla firma per la Caserma, era praticamente fatta ma l’edificio subì la ben nota occupazione e tutto saltò. L’anno dopo, ci riprovammo ma non si trovarono le condizioni per un accordo. Una superstizione iniziò a girare tra di noi… mai parlare della Caserma perché ogni volta che lo si faceva, succedeva qualcosa che allontanava la possibilità di entrarci! Ma non desistemmo perché quello spazio ci piaceva proprio e, inoltre, trovavamo dall’altra parte un proprietario – la Cassa depositi e prestiti – che ci incoraggiava, dimostrandosi non solo interessata alla nostra iniziativa ma anche disponibile ad avviare con noi una collaborazione più strutturata e più ampia.

E così, arriviamo al 2017, poche settimane fa. Le alternative di fronte a noi sono due e dobbiamo decidere. La prima opzione è quella più sicura ma rappresenta un vicolo cieco: restare un ultimo anno a Torino Esposizioni con la certezza che dal 2018 lo spazio non sarebbe stato più disponibile, questa volta di sicuro. La seconda opzione, più difficile ma anche avvincente: varcare finalmente i cancelli della Caserma di Via Asti, rompere ogni indugio, abbandonare ogni scaramanzia, lanciare anima, cuore e cervello nella trasformazione di un nuovo spazio ma, questa volta, con la possibilità di poterci rimanere anche oltre il 2017, almeno fino all’avvio degli interventi di trasformazione del complesso.

Questa edizione di Paratissima, la numero 13 dell’anno duemila17, è stata dedicata al tema della superstizione. Per le persone superstiziose la consuetudine nei gesti e nelle azioni è vitale perché cambiare significa sfidare la sorte e attirarsi guai. Pure noi, a modo nostro siamo superstiziosi: il 7 è un numero magico e la Caserma di via Asti sarà la nostra settima location. Il cambiamento è diventato per noi una consuetudine perché è l’unico modo che conosciamo per costringerci a migliorarci. E a rendere Paratissima sempre più bella.

Così, è con grande entusiasmo, e le tasche piene di amuleti e talismani porta fortuna, che siamo oggi finalmente in grado di darvi appuntamento a Paratissima – Superstition dall’1 al 5 novembre 2017 alla Caserma “La Marmora” di via Asti, a Torino.

facebook-profile-picture
Damiano Aliprandi
damiano.aliprandi@ylda.org

Geografo. Coordinatore dell'Area Ricerca di Fondazione Fitzcarraldo, si interessa principalmente al rapporto tra attività culturali e territorio combinando la sua attività di ricercatore con quella di operatore culturale. Presidente dell'Associazione YLDA (www.ylda.org) e chief administrator di Paratissima, segue e promuove diversi progetti di riqualificazione urbana e di integrazione sociale, in particolare nell'area di Torino.