La sezione Video in collaborazione con la Bienal de Curitiba

About This Project

 

Schermata 2017-10-04 alle 00.03.03

 

Quest’anno la sezione Video di Paratissima collabora con la Bienal de Curitiba, una delle Biennali di arte contemporanea più importanti del Sud America.

La selezione dei video proposti è stata curata da Massimiliano Scaringella.

 

EXPANDED VISION

Il fulcro estetico del nostro tempo è costituito dalla dimensione dinamica di uno scambio veloce arte/scienza, che attualizza continuamente l’esito nel patrimonio più prezioso dell’umanità: l’informazione. In cui la tendenza visiva del terzo millennio è composta di un’azione dell’arte e dell’estetica tesa a un aggiornamento continuo che diventa indispensabile per seguire il ritmo veloce dei cambiamenti formali contemporanei. Il Video è sicuramente uno dei mezzi più profondi del linguaggio artistico contemporaneo.

E sicuramente la videoarte è diventata uno dei linguaggi fondamentali dell’espresione contemporanea dovuta al fatto che tra gli artisti si è sentita forte l’urgenza di “uscire dal campo del quadro” senza rinunciare a decise specifiche visuali. Dove le possibili articolazioni del nuovo medium sono in grado di coinvolgere presenza e continuità della dimensione del tempo, e abbattere il tema dello spazio con la analisi della realtà.  Realizzando quindi allo stesso tempo un mix tra pittura, fotografia e cinema. E negli ultimi tempi con l’introduzione della “realtà aumentata” o del 3D si può parlare anche nella video arte della “terza dimensione” come nella scultura.

Questa rassegna propone quindi una analisi concettuale delle visioni che accompagnano il nostro tempo   mostrando alcuni aspetti  linguistici e tecnici del video come medium artistico dell’arte attuale.

 

Massimo Scaringella

I video presentati:

Alketa Ramaj (Albania)

Nata nel 1983 in Permet, (Albania), vive e lavora in Tirana, (Albania).

Born 1983 in Permet, (Albania) She lives and works in Tirana, (Albania).

Titolo:  Adam’s Apple, 2013

Durata: 3’44”

———————————————————————————————————————–

Zlatolin Donchev & Anto Millotta (Bulgaria/Italia)

Nato nel 1990 in Beijing, (Cina), vive e lavora in Sofia (Bulgaria).

Nato nel 1984 in Alcamo (Italia), vive e lavora in Genova (Itàlia).

Titolo (title):  G8ogle, 2014

Durata: 2’25”

 

————————————————————————————————————————

Patricia Claro (Cile)

Nata nel 1960 in Santiago de Chile, (Cile), dove vive e lavora.

 

Titolo:  Carta de aguà III (Water chart III), 2016

Durata: 10

————————————————————————————————————————

Fabrizio Passarella (Italia)

Nato nel 1953 in Bologna, (Italia) dove vive e lavora.

Titolo: Il giardino arabescato ( Arabesque-Adorned garden), 2016

Durata:  6’ 50’’ 

————————————————————————————————————————

Zaneta Vangeli (Macedonia)

Nata nel 1963 in Bitola, (Macedonia), vive e lavora a Skopje, (Macedonia).

Titolo (title):  Uscita(Exit), 2011

Durata: 4‘ 30”

————————————————————————————————————————

Hamish MacLean, Kelly Michael, Scott McFarlane, Jason Taylor  (New zeland)

Hamish MacLean born 1978 in Auckland, lives and works in Oamaru (NZ)

Kelly Michael born 1967  lives and works in Auckland (NZ)

Scott McFarlane born 1966 in Wellington and lives and works  in Northland

Jason Taylor 1981  Te Kuiti, New Zealand Lives an works in Kerikeri, NZ  

Titolo: Where the sun goes down, 2017

Durata: 18’44”

 


 

Tim Parchikov (Russia)

Nato nel 1983 a Mosca, (Russia), vive e lavora tra Mosca e Parigi.

 

Tìtolo (title): Matchbox, 2006

Durata: 1’54”

 

—————————————————————————————————–

Franziska Megert (Svizzera)

Nata nel 1950 in Thun (Svizzera), vive e lavora a Berna (Svizzera)

 

Titolo (title): Time reflections, 2010

Durata: 2‘ 00”

 ——————————————————————————————————————-

Murat Cinar (Turchia)

Nato nel 1981 in Istambul, (Turchia) vive e lavora tra Istambul e Torino (Italia).

 

Titolo (title): Mevlana, 2011

Durata:  5’ 34’’ .

 


Andriy Sydorenko (Ucrânia)

Nato nel 1983 in Kharkov, (Ucrânia) vive e lavora a Kiev (Ucrania).

Titolo: Play without rules, 2014

Durata:  6’ 45’’.

 

Category
Progetti Curati 2017
Tags
bienal de curitiba, massimiliano scaringella, video