Quarantined – Storie di resistenza (e disagio) digitale @ Paratissima

Stampa

STORIE DI RESISTENZA (E DISAGIO) DIGITALE

Video realizzato da: Federico Graziani

Logo realizzato da: Francesca Todde

Comunicazione: Giorgia Foti

Sponsor
Canon_PRINT_Logo_C100_Pantone
In collaborazione con
OF2015_CS6-01

L’emergenza Covid ha stravolto le vite di ciascuno di noi e ci ha costretti a rivedere molti dei progetti che avevamo pianificato e nei quali eravamo coinvolti. Con le regole imposte dal lockdown abbiamo vissuto per più di due mesi in isolamento, lontani dagli affetti e costretti a una routine casalinga innaturale e a tratti surreale.

Le mura domestiche si sono fatte confini oltre i quali era vietato andare. In questo spazio, rassicurante roccaforte di protezione e certezze ma anche contenitore di ansia e costrizione, abbiamo imparato a ridefinire le nostre abitudini.

La tecnologia e i social network ci hanno consentito di lavorare, di incontrare gli amici, di fare aperitivi, di partecipare ai compleanni dei nostri cari. Quasi tutto è stato possibile seppur in modalità surrogate.

È stato durante questo periodo paradossale, di reclusione in un’epoca di libertà e di paura in un’epoca di benessere, che abbiamo accolto il senso di smarrimento e abbiamo deciso di lasciare segni di noi. Di come l’abbiamo vissuta, di come l’abbiamo subita mentre l’unico affaccio, spesso, era solo quello su un monitor.

Nasce così QUARANTINED. Il progetto, ideato e curato da Dario Donato, Teodora Malavenda, Chiara Oggioni Tiepolo e Laura Tota, ha voluto scrutare e indagare lo spazio virtuale, per tante settimane unica e affollata agorà entro la quale sono state sperimentate le più svariate forme di espressione/aggregazione.

A partire dalle finestre digitali dello smart working, dalla condivisione di immagini, video, fake news e status per arrivare alle forme più spinte di esibizionismo e protagonismo, ai deliri complottistici e alle analisi geopolitiche in pieno stile “uno vale uno”.

Le sezioni

Il progetto è composto da tre sezioni:

– una contenente immagini tratte da progetti autoriali selezionati;
– una legata ai social network in cui sarà possibile rivivere quei giorni attraverso estratti di conversazioni, status, post, pensieri, riflessioni e deliri di ogni genere;
– una basata sul montaggio di estratti video, professionali e amatoriali, andati in onda durante il lockdown

Saranno di supporto al progetto espositivo la call #cartolinedallevacanze  oltre che una programmazione dinamica con talk, panel e conferenze che coinvolgerà ospiti provenienti dal mondo dell’informazione, della comunicazione e delle arti visive proprio durante Ph.ocus_About Photography

I fotografi selezionati
DOVE E QUANDO

Ph.ocus – About Photography

27 novembre/8 dicembre

ARTiglieria – Con/temporary Art Center